Taccone incontra Don Claide: “Fondamentali il rilancio economico e il ricoinvolgimento dei giovani. Vorrei che i giovani si “innamorassero” di nuovo di Avezzano”

Insieme ad Alessandro Franceschini ieri ho avuto un lungo colloquio con Don Claide, parroco della Cattedrale, per farmi rappresentare le criticità della nostra città da chi come lui e gli altri parroci ha uno sguardo privilegiato su Avezzano.

Abbiamo parlato a lungo di temi che stanno molto a cuore ad entrambi come il rilancio socio-economico delle attività commerciali, la sicurezza, il decoro urbano e il riavvicinamento dei giovani alle istituzioni.

Per quanto riguarda il rilancio economico delle attività commerciali, a mio avviso il Comune, pur non avendo molti strumenti per contrastare una crisi sistemica, può predisporre, lavorando di concerto con le associazioni di categoria, validi strumenti a supporto del tessuto economico della città.

Ho illustrato poi il mio punto di vista sulle tematiche legate a sicurezza e cura della città e la mia ferma intenzione di ricoinvolgere i giovani in percorsi formativi, culturali, e sportivi e aggregativi in genere che restituiscano loro il senso di appartenenza alla comunità.

Vorrei riuscire a fare in modo che i giovani si “innamorassero” di nuovo di Avezzano, ricostruendo un rapporto di vicinanza, rispetto e cura del territorio in cui vivono.